• Di che cosa si occupa l'Associazione?
    Neoplasie mieloproliferative croniche Philadelphia negative, incluse la Policitemia Vera e trombocitemia Essenziale Piastrinopenie e piastrinopatie Disordini del metabolismo del ferro Malattia di Rendu-Osler Trombofilie congenite o acquisite Malattia di von Willebrand Anomalie del fibrinogeno Deficit di fattore II, fattore V, fattore VII, fattore VIII, fattore IX, fattore XI, fattore XIII Deficit fattoriali acquisiti o secondariLeggi tutto
  • Cosa vogliamo ottenere
    potenzialità della nostra Regione sensibilizzazione degli organi competenti, riordino e potenziamento potenziamento delle associazioni formazione ed aggiornamento delle conoscenze abbattimento dei personalismi.Leggi tutto

Eventi

Reclami & Disservizi

Centri Emofilia in Italia

Cose da sapere......

Collaborazioni attive

Punto e - Fedemo

Punto e - Fedemo

Nuovo sito d'informazione FedEmo

Carta dei diritti dell'emofiliaco

Carta dei diritti degli Emofilici

NUOTO

Il 20% degli emofilici pratica il nuoto

FISIOTERAPIA

Il 40% degli emofilici fa fisioterapia

INFERMIERI

Il 30% degli emofilici usufruisce del servizio infermieristico

Si è concluso anche il terzo incontro “EsporTiamo l’emofilia”, tenutosi a Napoli il 23 novembre 2019.

L’evento è stato caratterizzato soprattutto da discussioni su sport ed emofilia ma anche da problematiche ospedaliere e di vita quotidiana, ciò significa che questi incontri servono e devono esserci per far si che gli emofilici e i loro famigliari possano prendere coscienza delle problematiche, soluzioni e comprendere che nessuno e nessuna Regione viene lasciata sola.

In particolare, si è discusso dell’accesso alle cure, accesso alle analisi e test che non sempre è uguale in tutte le regioni.

Incisivo è stato l’intervento della Dott.ssa Mancuso e del Dottor Pasta, che ci illustrano un elenco di esami e test per rilevare problematiche articolari e muscolari, come la termografia, la miografia, l’ecografia, l’esame posturale e non per ultimo la tradizionale visita e la visita al tatto.

Lo sport nell’emofilico vuol dire prevenzione e miglioramento.

Bisogna incentivare l’emofilico a fare attività fisica ma in giusta maniera e senza eccedere; uno studio dimostra che il 37% degli emofilici ha un avanzamento delle artropatie anche se sotto profilassi.

Quindi non eccedere!

Un punto molto importante è stata la discussione sulla sinovite, che è considerato un marcatore di un problema. Quindi le valutazioni articolari andrebbero fatte almeno due volte l’anno.

Ultima discussione è stata sul certificato di idoneità sportiva agonistica e non.

Per la prima serve la certificazione dello specialista che certifica l’idoneità per un periodo variabile che può essere anche tre mesi e che attesta che siamo in profilassi e seguiti attentamente, anche con ecg e altre analisi in generale. Per la seconda, la non agonistica, basta la certificazione dello specialista e un ecg.

E comunque ci sono decreti ministeriali sull’argomento già dal 2014.

In conclusione, mi sento di ringraziare tutti i medici presenti, la Novo-Nordisk e la Segreteria Sanitanova per l’organizzazione e la cura dell’evento.

Angelo Lupi


 

 

Press Room

Progetti

Centri Emofilia Italia

Centri di Riferimenti Abruzzo

Malattie Rare Esentate Codice Esenzione

A.MA.R.E. lo Sport

Attività  Progetti  Utilità

 

Aiuto Psicologico Dott. Francesco Vadini

Amare per conoscere Nemo

Chiamaci in caso di bisogno.

App Pharmadd

Screening e infiltrazioni.

App HemMobile Pfizer

Arrampicata per la vita

Progetto piscina

Chi è online:

Abbiamo 20 visitatori e nessun utente online

Contatti:

Mail: info@amareonlus.it

Pec: info@pec.amareonlus.it

www.amareonlus.it

Telefono Associazione: 392 619 61 27

Presidente: 348 168 60 39

Managed by Angelo Lupi